archidue studio
francesco bortolini chiara visentin architetti | studio | progetti | ricerca | pubblicazioni | contatti |    
  | allestimenti | concorsi | residenziale | pubblico | paesaggio | restauro |

 

Vicenza - Ristrutturazione e opere interne in appartamento in palazzo di fine '800 in Corso Fogazzaro, Vicenza. Committenza privata. 2010

Gli ultimi due piani di un bel palazzo centrale della città berica sono stati riorganizzati completamente rispetto alla situazione originaria, per disporli a grande e unica residenza. Gli interventi sono stati abbastanza incisivi, come la demolizione e l'abbassamento del solaio del piano 4 per avere l’abitabilità in altezza, il rifacimento completo del tetto e la sostituzione delle travature, la demolizione della scala esistente e la nuova ricostruzione della stessa in un altro ambito, il rifacimento di tutti gli impianti (a pavimento e parete per il riscaldamento e con sistema di condizionamento a soffitto), il rifacimento delle pavimentazioni e la costituzione di 6 bagni. La nuova suddivisione interna cerca di mantenere la tipologia planimetrica del palazzo alla veneta, con atrio longitudinale centrale di connessione ai vari ambiti della casa.

Le scelte progettuali derivano dalla volontà di mantenere una corrispondenza di toni neutri degli spazi, cosicché successivamente il carattere e la personalità degli arredi possano definire al meglio l’identità della casa. Il colore cremisi ricorre in tutti gli ambiti: nei marmorini a parete, nel rovere sbiancato e tinto delle pavimentazioni,nelle travature dei soffitti, nelle pietre locali, in alcune pareti in muratura e nella semina a terrazzo alla veneziana che circoscrive, sempre chiara, ma punteggiata dal colore caldo ossidato di inerti lapidei, alcune stanze della casa, come la grande e luminosa cucina e le due terrazze comunicanti, incastonate tra i tetti del palazzo.

 

È una dimora dove la cura dei dettagli è la caratteristica essenziale: nei tagli delle pietre massello, nei cristalli posti a divisione degli spazi, nella disposizione degli apparecchi illuminanti, nella conformazione degli ambienti, concepiti ampi, spaziosi, per ricavare per ogni componente della famiglia ambiti personalissimi e privati, completi e separati. La piacevole integrazione di decorazioni parietali, sfondo della disposizione d’arredo di alcune stanze, identifica ancor più l’individualità di ciascun ospite della residenza. I due piani vengono divisi secondo il loro utilizzo: il piano sottotetto, lasciato completamente aperto e luminosissimo, è dedicato all’uso diurno, grande salone, spaziosa cucina, collegamento al sistema di terrazze esterne messe in comunicazione tra loro da una lunga scala su disegno; il piano sottostante, al quale si accede dall’ascensore e da una scala elicoidale, è dedicato alla zona notturna.

 

 

a